Appunti di viaggio: Recanati sulle orme di Leopardi

Passeggiando per Recanati si ha l’impressione di fare un viaggio nel tempo, ogni cosa qui richiama il percorso giovanile del poeta, il colle celebrato nell’idillio omonimo era meta delle sue passeggiate e da qui si gode di una vista davvero spettacolare:

image_6483441 (6)

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle, E questa siepe, che da tanta parte Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude…”

image_6483441 (4)Proseguendo per le vie di Recanati si giunge Palazzo Leopardi, che si affaccia su una piazza che prende nome da una famosa lirica “il sabato del villaggio”, la biblioteca si trova al primo piano ed è l’unico luogo visitabile in quanto la struttura è tutt’oggi abitata dagli eredi, composta da 20.000 volumi, le sue sale rispecchiano ancora la disposizione del tempo, voluta fortemente e creata dal padre del poeta, Monaldo.

Un patrimonio librario imponente per l’epoca, in ogni sala i testi sono divisi per argomenti, desta curiosità lo spazio dedicato ai libri “proibiti” un elenco di testi che al tempo erano proibiti dalla chiesa, ma con un’autorizzazione papale, Monaldo riuscì a tenerli per poterli leggere ad uso esclusivo della sua famiglia.

 

Parole che invitano a riflettere… nei nostri tempi ancora di più.

C. Accornero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...